Censimento delle architetture italiane dal 1945 ad oggi

STADIO COMUNALE SAN PAOLO

Scheda Opera

  • Ingresso allo Stadio
  • Foto aerea
  • Veduta dello stadio, inaugurazione
  • Vista fronte
  • prospetto e sezione del progetto di concorso
  • foto del plastico del progetto di concorso
  • pianta del progetto di concorso
  • Foto aerea
  • sezione prospettica del progetto di concorso
  • Comune: Napoli
  • Denominazione: STADIO COMUNALE SAN PAOLO
  • Indirizzo: Piazzale Vincenzo Tecchio
  • Data: 1948 - 1955
  • Tipologia: Attrezzature sportive
  • Autori principali: Carlo Cocchia
Descrizione

Oltre che con la Mostra d'Oltremare, il quartiere Fuorigrotta raggiunse il massimo sviluppo, nel secondo dopo-guerra, con la realizzazione del Politecnico di Luigi Cosenza e dello stadio di Carlo Cocchia .
Il progetto dello stadio risultò vincitore nel concorso bandito dal CONI nel '48, non senza suscitare vivaci polemiche riguardanti il sito previsto per l'edificazione del nuovo stadio comunale, finché si convenne per il lotto su cui esso sorge attualmente e si poterono iniziare i lavori che si conclusero con l'inaugurazione nel 1959. L'intera struttura, dimensionata per 60.000 posti, è costituita da due anelli - separati da un ampio taglio orizzontale - di cui il primo è edificato direttamente sul terreno, mentre il secondo poggia su cinquantasei costoloni in cemento armato inclinati dall'alto verso il basso. «Nonostante una conformazione così essenziale, Cocchia trova il modo di arricchirla sempre con elementi strutturali e funzionali, quel tanto che basta a tradurre un organismo ingegneresco in un altro architettonico» (De Fusco, 1994). In occasione dei campionati mondiali di calcio del 1990, fu assegnato a Fabrizio Cocchia il progetto di ampliamento a centomila posti ed i lavori «hanno sepolto sotto un viluppo di mattoni, ferro e plastica ogni traccia di quella vibrazione luminosa e di quel respiro paesaggistico che erano le prerogative dello stadio bello ed elegante di Carlo Cocchia» (Carreri, 1994).

Info
  • Progetto: 1948 -
  • Esecuzione: - 1955
  • Tipologia Specifica: attrezzatura sportiva
  • Proprietà: Proprietà pubblica
  • Destinazione originaria: Stadio
  • Destinazione attuale: Stadio
Autori
Nome Cognome Ruolo Fase Progetto Archivio Architetti Url Profilo Autore Principale
Sergio Bonamico Collaboratore Progetto NO
Carlo Cocchia Progetto architettonico Progetto SI
Luigi De Simoni Collaboratore Progetto NO
Claudio Dell'Olio Collaboratore Progetto NO
Mario Ghedina Collaboratore Progetto NO
Dagoberto Ortensi Collaboratore Progetto Visualizza Profilo https://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/siusa/pagina.pl?TipoPag=prodpersona&Chiave=39448 NO
Mario Procesi Collaboratore Progetto NO
Francesco Uras Collaboratore Progetto NO
  • Strutture: Cemento armato
  • Materiale di facciata: cemento armato, cortina di mattoni, strutture metalliche, plastica
  • Coperture: Piana in ferro e materiale plastico
  • Stato Strutture: Buono
  • Stato Materiale di facciata: Discreto
  • Stato Coperture: Discreto

													Array
(
    [id_opera] => 3606
    [codice] => NA015
    [denominazione] => STADIO COMUNALE SAN PAOLO 
    [regione] => Campania
    [provincia] => Napoli
    [comune] => Napoli
    [localita] => 
    [indirizzo] => Piazzale Vincenzo Tecchio
    [id_categoria] => 1
    [id_tipologia] => 6
    [tipologia_specifica] => attrezzatura sportiva
    [anno_inizio_progetto] => 1948
    [anno_fine_progetto] => 
    [anno_inizio_esecuzione] => 
    [anno_fine_esecuzione] => 1955
    [classificazione] => 
    [id_livello_scheda] => 1
    [codice_iccd] => 
    [codice_benitutelati] => 
    [informazioni_architettoniche] => Oltre che con la  Mostra d'Oltremare, il quartiere Fuorigrotta raggiunse il massimo sviluppo, nel secondo dopo-guerra, con la realizzazione del Politecnico di Luigi Cosenza e dello stadio di Carlo Cocchia .
Il progetto dello stadio risultò vincitore nel concorso bandito dal CONI nel '48, non senza suscitare vivaci polemiche riguardanti il sito previsto per l'edificazione del nuovo stadio comunale,  finché si convenne per il lotto su cui esso sorge attualmente e si poterono iniziare i lavori che si conclusero con l'inaugurazione nel 1959. L'intera struttura, dimensionata per 60.000 posti, è costituita da due anelli - separati da un ampio taglio orizzontale - di cui il primo è edificato direttamente sul terreno, mentre il secondo poggia su cinquantasei costoloni in cemento armato inclinati dall'alto verso il basso. «Nonostante una conformazione così essenziale, Cocchia trova il modo di arricchirla sempre con elementi strutturali e funzionali, quel tanto che basta a tradurre un organismo ingegneresco in un altro architettonico» (De Fusco, 1994). In occasione dei campionati mondiali di calcio del 1990, fu assegnato a Fabrizio Cocchia il progetto di ampliamento a centomila posti ed i lavori «hanno sepolto sotto un viluppo di mattoni, ferro e plastica ogni traccia di quella vibrazione luminosa e di quel respiro paesaggistico che erano le prerogative dello stadio bello ed elegante di Carlo Cocchia» (Carreri, 1994).

    [committente] => 
    [foglio_catastale] => 
    [particella] => 
    [strutture] => Cemento armato
    [id_stato_struttura] => 2
    [materiale_facciata] => cemento armato, cortina di mattoni, strutture metalliche, plastica
    [id_stato_facciata] => 3
    [coperture] => Piana in ferro e materiale plastico
    [id_stato_coperture] => 3
    [serramenti] => 
    [id_stato_serramenti] => 0
    [destinazione_originaria] => Stadio
    [destinazione_attuale] => Stadio
    [trasformazioni] => ampliamento - nuova copertura - recinzione
    [id_tipo_proprieta] => 7
    [specifiche_proprieta] => Comune di Napoli
    [id_tipo_provvedimento] => 1
    [data_provvedimento] => 
    [riferimento_normativo] => 
    [altri_provvedimenti] => 
    [vincolo] => 0
    [note] => La qualifica di opera di eccellenza va riferita allo Stadio nella sua originaria edizione, dal momento che la copertura in ferro è totalmente eliminabile e non ha compromesso la struttura e la morfologia del progetto originale.

Referenze fotografiche
NA015 (5): Caterina - Nunziata (a cura di), 1987
NA015 (3): Caterina - Nunziata (a cura di), 1987
NA015 (4): Caterina - Nunziata (a cura di), 1987
NA015 (8): Caterina - Nunziata (a cura di), 1987
NA015 (7) bis: Caterina - Nunziata (a cura di), 1987

    [denominazione_aggregato] => 
    [latitude] => 40.827977
    [longitude] => 14.192948
    [score] => 5
    [id_user] => 0
    [status] => 1
    [date_add] => 2017-12-31 00:00:00
    [date_upd] => 2024-05-06 10:25:18
    [categoria] => A. Opera di eccellenza
    [tipologia] => Attrezzature sportive
    [proprieta] => Proprietà pubblica
    [cat_autori] => Carlo Cocchia
    [id_regione] => 11
)
1
												
  • Vincolo: Non Vincolata
  • Provvedimenti di tutela: Nessuna opzione
  • Data Provvedimento:
  • Riferimento Normativo:
  • Altri Provvedimenti:
  • Foglio Catastale: -
  • Particella: -

Note

La qualifica di opera di eccellenza va riferita allo Stadio nella sua originaria edizione, dal momento che la copertura in ferro è totalmente eliminabile e non ha compromesso la struttura e la morfologia del progetto originale. Referenze fotografiche NA015 (5): Caterina - Nunziata (a cura di), 1987 NA015 (3): Caterina - Nunziata (a cura di), 1987 NA015 (4): Caterina - Nunziata (a cura di), 1987 NA015 (8): Caterina - Nunziata (a cura di), 1987 NA015 (7) bis: Caterina - Nunziata (a cura di), 1987

Bibliografia
Autore Anno Titolo Edizione Luogo Edizione Pagina Specifica
Andriello D. 1949 Cronache urbanistiche, obbligatorietà e stabilità di un piano, il nuovo stadio «Urbanistica», n. 2 Convegno a Napoli dell'INU Si
Cocchia Carlo 1961 L'edilizia a Napoli dal 1918 al 1958 Società per il Risanamento di Napoli Napoli 96-100 No
Galardi Alberto 1967 Architettura italiana contemporanea 1955-1965 Edizioni di Comunità Milano No
Zevi Bruno 1978 Carlo Cocchia - Stadio di Fuorigrotta a Napoli «Cronache di Architettura"» vol. 6 Roma-Bari Si
Caterina Gabriella, Nunziata Massimo (a cura di) 1987 Carlo Cocchia. Cinquant'anni di architettura 1937-1987 Sagep Genova 145-148 No
Patrizio A. 1990 Napoli «Il nuovo cantiere», n. 2 Si
Belfiore Pasquale 1991 L'architettura 1945-1965, in AA.VV. Fuori dall'ombra De Rosa Napoli No
Carreri Emanuele 1994 Stadio comunale San Paolo, in Napoli architettura e urbanistica del Novecento, (a cura di) P. Belfiore, B. Gravagnuolo Editori Laterza Roma-Bari 228-229 Si
Giordano Paolo 1994 Napoli. Guida di architettura moderna Officina edizioni Roma 106-107 Si
De Fusco Renato 1994 Napoli nel Novecento Electa Napoli 132,136,137 Si
De Fusco Renato 1995 La Campania: architettura e urbanistica del Novecento in AA.VV., Ottocento e Novecento, II parte Electa Napoli 71 No
Castagnaro Alessandro 1998 Architettura del Novecento a Napoli: il noto e l’inedito Edizioni scientifiche italiane Napoli 156-157 Si
Mazziotti Gerardo 2008 Carlo Cocchia, 1949: lo stadio San Paolo. «Anagkē», n.s. 55 116-118 Si
Castagnaro Alessandro 2008 Napoli moderna e contemporanea «Anagkē», n.s. 55 76-143 No
Gravagnuolo Benedetto 2008 Napoli dal Novecento al futuro Electa Napoli Napoli 82 Si
Fascia Flavia 2012 Lo stadio San Paolo di Napoli «Ambienti, costumi, costruzioni», n. 7 25-36 Si
De Fusco Renato 2017 Architettura a Napoli del XX secolo CLEAN Edizioni Napoli 152-154 Si

Allegati
File Didascalia Credito Fotografico
Ingresso allo Stadio Ingresso allo Stadio
Foto aerea  Foto aerea
Veduta dello stadio, inaugurazione Veduta dello stadio, inaugurazione
Vista fronte Vista fronte
prospetto e sezione del progetto di concorso prospetto e sezione del progetto di concorso
foto del plastico del progetto di concorso foto del plastico del progetto di concorso
pianta del progetto di concorso pianta del progetto di concorso
Foto aerea Foto aerea
sezione prospettica del progetto di concorso sezione prospettica del progetto di concorso

Criteri
1. L’edificio o l’opera di architettura è citata in almeno tre studi storico-sistematici sull’architettura contemporanea di livello nazionale e/o internazionale.
2. L’edificio o l’opera di architettura è illustrata in almeno due riviste di architettura di livello nazionale e/o internazionale.
5. L’edificio o l’opera di architettura introduce e sperimenta significative innovazioni nell’uso dei materiali o nell’applicazione delle tecnologie costruttive.
6. L’edificio o l’opera di architettura è stata progettata da una figura di rilievo nel panorama dell’architettura nazionale e/o internazionale.
7. L’edificio o l’opera di architettura si segnala per il particolare valore qualitativo all’interno del contesto urbano in cui è realizzata.
Sitografia ed altri contenuti online
Titolo Url
DGA, Direzione Generale Archivi Visualizza

Crediti Scheda
Enti di riferimento: DGAAP
Titolare della ricerca: Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli DIC-DEA
Responsabile scientifico: Pasquale Belfiore


Scheda redatta da
creata il 31/12/2017
ultima modifica il 06/05/2024